Archivio per ‘Senza categoria’ categoria

NE ABBIAMO FATTA DI STRADA, DAL 25 APRILE 2017! ALTRI 74 NOMI SONO USCITI DALL’OBLIO, E SONO QUI A RICORDARCI IL PREZZO DELLA LIBERTA’: NON DIMENTICHIAMOLI!

19 maggio 2019

Ecco il  NUOVO ELENCO alfabetico, aggiornato e numerato, dei Partigiani della Provincia di Oristano. All’interno dell’Atlante, NELLA BARRA ROSSA IN ALTO,  trovate le schede biografiche essenziali di ciascuno di essi.                                                            L’elenco viene costantemente  aggiornato con i nuovi  nominativi che emergono e/o sono verificati e riscontrati nelle banche dati e negli archivi. Per facilitare la consultazione dell’Atlante online, i nominativi non compresi nella versione cartacea (che ne riportava 108) sono in rosso.

“Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì, o giovani, col pensiero, perchè lì è nata la nostra costituzione”

Pietro Calamandrei, Discorso ai giovani sulla Costituzione nata dalla Resistenza. Milano, 26 Gennaio 1955

Elenco in costante aggiornamento con nuovi nomi, date e luoghi di nascita. Ultimo aggiornamento 29/06/19

  1. ACCA ANTONIO, BOSA, 1914
  2. AMENO GIULIO, SANTU LUSSURGIU, 1926
  3. ANGOTZI COSTANTINO, CUGLIERI, 1909
  4. ARCAI CHIRRA ANTONIO, MONTRESTA, 1918
  5. ARDU REDUINO, URAS, 1923
  6. ARDU SALVATORE, SUNI, 1918
  7. ARDU VINCENZO, BUSACHI, 1883
  8. ATTENE GIUSEPPE,CUGLIERI,  1920
  9. ATZEI RENZO, GONNOSTRAMATZA, 1921
  10. BICHI SALVATORE, ORISTANO, 1917
  11. BROCCIA MARIO, MOGORO, 1919
  12. BUSONERA FLAVIO, ORISTANO, 1894
  13. CABONI GIORGIO, BARESSA, 1909
  14. CADDEO GIORGIO, MOGORO, 1908
  15. CADONI BENIAMINO, ORISTANO, 1906
  16. CANIBUS GIACOMO, ORISTANO, 1909
  17. CANSELLA GIOVANNI, CUGLIERI, 1910
  18. CARBONI PIETRO, PAULILATINO, 1914
  19. CARICCIA SALVATORE, SOLARUSSA, 1920
  20. CARRUS CIRIACO, SAN VERO MILIS, 1925
  21. CARTA MARIO, ABBASANTA, 1919
  22. CASANOVA ANTONIO, BOSA,1910
  23. CASTI EUGENIO, SENIS, 1891
  24. CASU PIETRO, ORISTANO, 1903
  25. CASULA QUIRICO, NORBELLO,1908
  26. CAU AURELIO, GONNOSNO’, 1890
  27. CAULI GIUSEPPE, PAU, 1920
  28. COCCO PASQUALE, SEDILO, 1921
  29. COGHE CLEMENTE, NORBELLO, 1918
  30. CONTU TERENZIO, USELLUS, 1923
  31. CORDELLA GIOVANNI, PAULILATINO, 1913
  32. COROS COSTANTINO, SUNI, 1906
  33. COROS GIACOMO, SUNI, 1921
  34. CORRIAS ANTONINO, ORISTANO, 1917
  35. COSSU ALDO, ALLAI, 1920
  36. COSSU FRANCESCO, ABBASANTA,1919
  37. COSSU ONOFRIO, USELLUS, 1923
  38. COSTA GIOVANNI, 1921, r. CUGLIERI
  39. COTZA BENEDETTO, TRESNURAGHES, 1906
  40. CRABA LUIGI, SIAPICCIA, 1920
  41. DE CESARIS NELSON, CABRAS, 1908
  42. DE MARTIS FRANCESCO, SAGAMA, 1905
  43. DEIANA ERMENEGILDO, NEONELI 1920
  44. DEIANA GIUSEPPE, RUINAS, 1899
  45. DERIU DIEGO, SUNI, 1921
  46. DERIU GIOMMARIA, MODOLO, 1918
  47. DESSENA FRANCESCO, GHILARZA, 1903
  48. DESSI GIOVANNA, FORDONGIANUS
  49. DESSI’ GIOVANNI, RIOLA SARDO, 1921
  50. DESSY GIOVANNI, ORISTANO, 1904
  51. DETTORI MARCO, SAGAMA, 1918
  52. FADDA FRANCESCO, BUSACHI, 1917
  53. FADDA FRANCESCO, SUNI 1918
  54. FADDA RINALDO, ORISTANO, 1910
  55. FAIS GIOVANNI, BONARCADO
  56. FALCHETTO GIAN MARIA, BOSA 1898
  57. FANCELLO FRANCESCO, ORISTANO, 1884
  58. FARA GIOVANNI, NARBOLIA, 1897
  59. FENU CAMILLO, SAN VERO MILIS, 1902
  60. FENU SEBASTIANO, SAN VERO MILIS, 1896
  61. FEURRA ANTONIO, SENEGHE, 1898
  62. FIRINU GIOVANNI, SANTU LUSSURGIU, 1925
  63. FLORIS ANGELINO, PAU, 1923
  64. FODDIS SALVATORE, SAMUGHEO
  65. FRAU ANTONIO, RUINAS, 1920
  66. FRESI SEBASTIANO, MONTRESTA, 1924
  67. FRONGIA FRANCESCO SAMUGHEO, 1921
  68. FRONGIA RAIMONDO, SAMUGHEO, 1921
  69. GALLISTRU ALFREDO, RUINAS, 1922
  70. GESSA ANTONIO, LACONI, 1892
  71. GIUSTI GIOVANNI, BOSA, 1910
  72. IBBA DOMENICO, ABBASANTA, 1911
  73. IBBA EFISIO, SORRADILE, 1899
  74. LAI FRANCESCO ANTONIO, ARDAULI,1904
  75. LEDDA ALFONSO,BOSA, 1924
  76. LEDDA DANIELE, BONARCADO, 1924
  77. LICHERI FRANCESCO, ABBASANTA, 1901
  78. LOCCHI GIUSEPPE, RIOLA SARDO, 1918
  79. LOCHE SALVATORE GIUSEPPE, RIOLA SARDO, 1921
  80. LOI EFISIO, FORDONGIANUS, 1892
  81. LORU PIETRO, BOSA, 1919
  82. LUTZU GAETANO, BAULADU 1918
  83. LUTZU SEVERINO, SEDILO, 1908
  84. MADAU PIETRINO, TRESNURAGHES, 1907
  85. MANCA ANTIOCO, SORRADILE, 1921
  86. MANCA GIUSEPPE, NURACHI, 1906
  87. MANCA ENRICO, ORISTANO, 1892
  88. MANCA ETTORE, ORISTANO, 1920
  89. MANCA GESUINO, TERRALBA, 1917
  90. MANCA GIULIO, TRAMATZA, 1911
  91. MANCA MARIO, NEONELI, 1919
  92. MANCONI LUIGI, ABBASANTA,1908
  93. MANIS GIUSEPPE, ORISTANO, 1922
  94. MARINI GIUSEPPE, TRESNURAGHES, 1920
  95. MEDAS GIUSEPPE, NARBOLIA, 1908
  96. MEDDA ERNESTO, GONNOSTRAMATZA, 1920
  97. MEDDE ANGELINO, NORBELLO, 1921
  98. MELIS IGNAZIO, LACONI, 1915
  99. MELIS MICHEL, SORRADILE, 1923
  100. MELONI FLAVIO, GHILARZA, 1928
  101. MOZZO ANGELO, SUNI, 1921
  102. MURA GIOVANNI (di Francesco), SANTU LUSSURGIU, 1920
  103. MURA LUIGI, SIAMAGGIORE
  104. MURA LUIGI, SOLARUSSA, 1918
  105. MURGIA FRANCESCO, SANTU LUSSURGIU, 1919
  106. MURU ANTONIO, SOLARUSSA, 1920
  107. MUSIU GIUSEPPE, CABRAS, 1920
  108. MUSIU PIERINO, CABRAS, 1922
  109. NAITANA EFISIO, BOSA, 1915
  110. OBBILI GIULIANO, ASSOLO, 1918
  111. OBINU CARLO, PAULILATINO, 1910
  112. OBINU GIOVANNI MARIA, BOSA, 1899
  113. OLIA MARIO, SOLARUSSA, 1919
  114. ONIDA ANTONIO, GHILARZA, 1918
  115. ONNIS RAYMOND, TERRALBA, 1906
  116. ORRU’ COSIMO, SAN VERO MILIS, 1910
  117. PALA ANTONIO DIEGO, SANTU LUSSURGIU
  118. PALA OVIDIO, SANTU LUSSURGIU
  119. PASSERO’ ANTONIO, MONTRESTA, 1916
  120. PASSONE ALFONSO, BOSA, 1919
  121. PERRIA ANGELO, MASULLAS, 1921
  122. PILI SALVATORE, MARRUBIU, 1918
  123. PINNA ANTONANGELO, SCANO DI MONTIFERRO, 1917
  124. PINNA ANTONIO, SCANO DI MONTIFERRO, 1921
  125. PINNA GIOVANNINO, ORISTANO, 1920
  126. PINNA SALVATORE, ARDAULI, 1917
  127. PINTORE FRANCESCO, NUGHEDU SANTA VITTORIA, 1914
  128. PIRAS GIUSEPPE, SANTU LUSSURGIU, 1921
  129. PIRAS POLANO MARIA, ORISTANO, 1897
  130. PIRRI MASSIMINO, GONNOSTRAMATZA, 1909
  131. PISCHEDDA ANDREA, ULA TIRSO, 1918
  132. PISCHEDDA LORENZO, GONNOSNO’, 1904
  133. PODDA GIUSEPPE, MOGORO
  134. PODDIGHE (PODDDIGLE) GIOVANNI, SCANO DI MONTIFERRO, 1920
  135. POGGI ANGELO, SUNI, 1921
  136. PORCHEDDU DARIO, CABRAS, 1922
  137. PORCU PALMERIO, GHILARZA, 1909
  138. PRINTZIS VIRGILIO, SAN NICOLO’ D’ARCIDANO, 1919
  139. PUDDU DIEGO, SANTU LUSSURGIU, 1920
  140. PUTZOLU (PULZUL) ANTONIO, GHILARZA, 1918
  141. PUTZOLU GIOVANNI, ARDAULI
  142. RAGA ANTONIO, BOSA, 1907
  143. SABA ABELE, ORISTANO 1913
  144. SALARIS(I) ANTONIO, SENEGHE, 1920
  145. SALARIS BERNARDO, SIAMANNA, 1920
  146. SANNA ANTONIO, ORISTANO, 1879
  147. SANNIA CARLO, ABBASANTA, 1897
  148. SANNA GIOVANNI, SAMUGHEO, 1917
  149. SANNA GIUSEPPE, ORISTANO, 1908
  150. SANNA SALVATORE, MASULLAS, 1907
  151. SARDU ANGELINO, MONTRESTA, 1920
  152. SCALAS GIOVANNI, SANTA GIUSTA, 1923
  153. SCANU PIETRO, URAS, 1920
  154. SECCHI GIOVANNI, MOGORO, 1902
  155. SECCHI GIUSEPPE, MODOLO, 1905
  156. SEDDA LUIGINO, ASSOLO
  157. SERMENGHI CESARE, TERRALBA, 1918
  158. SERRA DOMENICO, ABBASANTA, 1920
  159. SIAS SALVATORE, RIOLA SARDO, 1902
  160. SIAS SALVATORE, SANTU LUSSURGIU, 1922
  161. SIMBULA SERAFINO, RIOLA, 1920
  162. SIMULA ANGELO, CUGLIERI
  163. SOIS ANTONIO (ANTIMINO), SOLARUSSA 1920
  164. SONIS GESUINO (SONYS GUNUINO), URAS, 1923
  165. SOTGIA LELIO, BOSA, 1925
  166. SPIGA FRANCESCANGELO, NUGHEDU SANTA VITTORIA
  167. SULIS AGOSTINO, 1820, r.ORISTANO
  168. TATTI EUGENIO, RUINAS, 1919
  169. TAMBURINI ANTONIO, MAGOMADAS, 1920
  170. TEDDE ALBINO, SUNI, 1924
  171. TURNU(O) FRANCESCO, ALES, 1899
  172. UNALI ANGELO, TRESNURAGHES, 1904
  173. URRACI FERMELIO, ALES, 1917
  174. VACCA COSIMO, ABBASANTA, 1923
  175. VACCA PIETRINO, SIMALA, 1899
  176. ZANDA GIOVANNI, BONARCADO,1923
  177. ZOCCHEDDU GIOVANNI, CABRAS
  178. ZUCCA ANTONIO, NEONELI, 1920
  179. ZUCCA GIOVANNI, VILLAURBANA, 1920
  180. ZUCCA GIOVANNINO, CABRAS, 1926
  181. ZUCCONI ANTONIO, SUNI, 1920
  182. ZUDDAS SALVATORE, NURAXINIEDDU, 1920

 

ATLANTE DEGLI ANTIFASCISTI DELLA PROVINCIA DI ORISTANO

21 aprile 2019

Carissimi, da oggi è disponibile l’Atlante on line degli ANTIFASCISTI della PROVINCIA DI ORISTANO. Lo trovate nella barra in alto, nel permalink di fianco a quello dell’Atlante dei Partigiani. Consultarlo è facile, seguite le istruzioni. AUGURI DI BUONA PASQUA E FELICE PASQUETTA!

8 MARZO 2019, FESTA DELLA DONNA

28 febbraio 2019

INTERESSANTE POMERIGGIO ALL’ARCHIVIO DI STATO DI ORISTANO: DONNE CHE PARLANO DI DONNE CHE FANNO RICERCA STORICA…..IMG-20190222-WA0005

GIORNATA DELLA MEMORIA 2019: SCIOPERI E DEPORTAZIONI IN ITALIA FRA IL ’43 E IL ’44

1 febbraio 2019

PER LA GIORNATA DELLA MEMORIA 2019, UN CAPITOLO POCO NOTO, MA FONDAMENTALE ANCHE PER LA RESISTENZA:

LOTTE OPERAIE E DEPORTAZIONI NEL ’43-’44 IN ITALIA (di Andrea Sanna, CGIL)

Nella Memoria di ognuno di noi deve restare sempre vivo il ricordo dei sacrifici di tantissimi operai e operaie italiani che pagarono un prezzo altissimo durante la seconda guerra mondiale, vennero deportati e vissero momenti drammatici e tanti soprusi, molti non tornarono, morti nel lavoro gravoso e in schiavitù’ nei campi di concentramento tedeschi. Vennero deportati durante gli scioperi del ’43 e del ’44 che in Italia furono l’elemento capace di distinguere la Resistenza del Nostro Paese da quella europea, causando un duro colpo al fascismo. Per capire quali fatti furono caratterizzanti nelle rivendicazioni dei lavoratori dell’epoca, analizzeremo i contesti che ci consentiranno di percepire i disagi e le necessità di questi lavoratori che poi si tradussero nelle sollevazioni e scioperi nelle fabbriche. Le condizioni del lavoro in Italia negli anni ’43 e ’44 erano alquanto complesse e assoggettate a forti pressioni da parte della Germania che, impegnata nello sforzo bellico, cercò manodopera per la costruzione di aerei da
caccia e bombardieri, oltre che di grandi manufatti in cemento, veri e propri tunnel, detti bunker, nei quali allocare le fabbriche per salvarle dai continui
bombardamenti. Vi è da dire che in quel periodo con l’accordo tra Mussolini ed Hitler molti lavoratori si trasferirono volontariamente in Germania, poi, siccome non bastarono, furono reclutati con i rastrellamenti e deportati. In quell’epoca in Italia, moltissime le fabbriche metalmeccaniche, distribuite tra il centro Emilia e il nord Italia, Piemonte, Lombardia e Liguria. Grandi strutture nelle quali vennero realizzati macchinari e pezzi di ricambio per la guerra; la Fiat, la Falck, la Borletti, l’Ansaldo, l’Ilva, la Piaggio la Oto Melara e molte altre, industrie imponenti dove vennero occupati migliaia
di lavoratori. Durante il regime fascista le Organizzazioni Sindacali furono commissariate e non riconosciute, i contratti collettivi annullati e gli scioperi banditi; anzi rischiarono la vita gli operai che tentarono di sollevare obiezioni sul lavoro o rivendicare diritti, al tempo inesistenti. Il controllo dei lavoratori venne affidato all’unico sindacato, quello Fascista, con il compito di segnalare i lavoratori in contrapposizione al regime, col fine di reprimere qualsiasi iniziativa di rivendicazione nei luoghi di lavoro. Particolarmente estreme le condizioni economiche: paghe orarie da 4,60 lire per un metalmeccanico, a 1,90 lire per una tessitrice, di contro, il pane comune costava 5,42 lire al kg, la pasta 7,06 lire al kg, il burro 260 lire al kg. e la carne 91,25 lire al Kg, il tutto venduto al mercato nero a causa della crisi dovuta al conflitto bellico. Come si può facilmente immaginare i costi proibitivi della vita, appena
citati, resero difficoltosa la sopravvivenza, infatti gli operai indeboliti per il poco cibo, sopportarono a stento il duro sforzo fisico, soprattutto se occupati nell’industria pesante.
Turni massacranti di 12/14 ore giornaliere costrinsero i lavoratori nelle fabbriche, distanti dalle famiglie ed impossibilitati a far rientro a casa a causa della mancanza di mezzi di collegamento. La fabbrica, dunque, diventò da semplice apparato produttivo un luogo di comunità, epicentro di rinascita dell’attività politica e di contrapposizione ad un regime consociativista oppressivo.
Da quel momento in poi si determinò la ripresa su larga scala, dopo circa vent’anni di paralisi, della conflittualità nelle fabbriche, che portò alla scelta degli scioperi per rivendicare il disagio sociale e povertà della classe operaia, a cui il regime fascista fece pagare i costi della guerra, ma anche una forte ripresa dell’attività politica e sindacale di contrapposizione al regime. Queste circostanze alimentarono, come detto, la ribellione e la resistenza che si manifestò con i primi grandi scioperi di massa dei lavoratori, creando, per la prima volta, una forte debolezza nel regime, che fece di tutto per reprimere
queste masse scioperanti, che, di contro, aumentarono ancor più le contestazioni con un rafforzamento della resistenza. Di fatto, gli scioperi ebbero inizio il 5 marzo del 1943, dieci ore negli stabilimenti Fiat Grandi Motori e alla Mirafiori di Torino, 100 mila operai di cui 50 mila solo in Fiat, che fecero da cassa di risonanza immediata in tutto il
Piemonte e consentirono, dal 24 marzo, la diffusione degli scioperi a Milano. Tutte le grandi aziende metalmeccaniche scioperarono. Il regime cercò di reagire, ma restò quasi paralizzato e incapace, tanto che lo stesso Hitler fu costretto a richiamare l’alleato italiano ad una energica repressione. Per molti quegli scioperi della primavera del 43′ segnarono la fine di Mussolini, che venne destituito a luglio dello stesso anno dal Re.
Da quel momento cambiò la storia dell’Italia nella seconda guerra mondiale. Si chiuse la vicenda del sindacato fascista che soggiogò le fabbriche e venne sottoscritto il primo accordo interconfederale tra la Confindustria e la Confederazione Generale del Lavoro che ridiede vita alle rappresentanze operaie in tutte le fabbriche. Fu però molto forte la pressione che i Tedeschi e i fascisti esercitarono nelle Fabbriche del Centro – Nord Italia, per aumentare le produzioni di materiale bellico a causa dell’avanzata da sud degli alleati. Questo a fine ’43 provocò un altro grande sciopero all’Ansaldo, duemila operai si fermarono e altri lavoratori liguri, quasi 5000, fecero altrettanto in molte industrie del savonese, scatenando la cruenta repressione tedesca che portò all’arresto, alla fucilazione e alla deportazione nei campi di prigionia tedeschi di tanti operai. Il ’44 si aprì con una popolazione stremata dalla dura e difficile guerra, con i tedeschi che soffocarono i tentativi di sollevamento operaio, lo stesso Hitler pensò allora di deportare 70 mila operai e oppositori al regime per proseguire la produzione di armi nei campi di concentramento, ma lo convinsero che ne sarebbero bastati solo il 20% che, fortunatamente, non
arrivarono mai ad essere deportati, perché necessari nelle fabbriche italiane alle produzioni di materiale bellico.
Gli scioperi che dalla fine del ’43 riguardarono tutte le regioni del centronord Italia, e proseguirono anche nel ’44, ma vennero sedati con fucilazioni e deportazioni; 2000 operai, per lo più delle fabbriche torinesi, furono consegnati dai fascisti ai tedeschi e deportati, a marzo a Varese altri 50, a Milano 150 e a Sesto san Giovanni 225, la maggior parte di essi finiva a MAUTAHUSEN e in
pochi tornarono. Intanto le fabbriche in sciopero una dopo l’altra vennero chiuse e gli operai senza stipendi lasciati a casa così da causare l’indebolimento della forza d’impatto degli scioperi, ma non fermarono le mobilitazioni. I nazisti aumentarono le fucilazioni e i rastrellamenti con destinazione il campo di lavoro REIMAGH, annesso a un grande complesso industriale, dove vennero deportati anche 1488 operai della Piaggio e dell’Ansaldo della
Valpolcevera che avevano partecipato agli scioperi del giugno 1944 di Genova.Gli scioperi del ’44 allargarono la base sociale della resistenza e causarono un duro colpo al fascismo. Certo, il prezzo che pagarono in questi due soli anni gli operai Italiani fu altissimo, molti infatti non tornarono dai campi di sterminio, altri persero la
vita tra le file dei partigiani, altri ancora vennero fucilati durante gli scioperi. In conclusione dopo aver analizzato quei fatti drammatici accaduti tra il’43 ed il ’44 in Italia, possiamo affermare che il grande sacrificio, che quei
lavoratori hanno compiuto scioperando e difendendo anche le loro fabbriche. n conclusione possiamo affermare che il grande sacrificio compiuto dai lavoratori che scioperavano e difendevano le fabbriche dalla distruzione tedesca durante la ritirata, era supportato da tre importanti
parole d’ordine:
Pace: era nell’animo e nella testa degli operai di quel tempo la consapevolezza che ogni conflitto bellico finiva sempre per penalizzare i più deboli, i poveri e i
disperati; 
Libertà: loro vedevano e significavano l’astensione collettiva dal lavoro come la riconquista dell’autonomia, della facoltà di opporsi all’oppressione dell’impresa e di un regime;
Centralità del Lavoro: Ogni uomo e donna che lavoravano in quelle fabbriche vedevano nello sciopero l’opportunità di rivendicare i diritti più elementari della persona umana, l’astensione dal lavoro guardava in prospettiva ad una società più giusta e solidale, “fondata sul lavoro”.
Al Giorno della Memoria questi lavoratori hanno lasciato in eredità i pilastri della libertà e del lavoro e, in quanto le loro azioni rappresentano un capitolo fondamentale della Resistenza italiana, hanno contribuendo all’impianto della democrazia in Italia e alla nascita della Nostra Carta Costituzionale. (Fonti: ” La Storia della CGIl” di Fabrizio Loreto)

GIORNATA DELLA MEMORIA 2019

1 febbraio 2019

27 gennaio 19

AUGURI DA ANPI ORISTANO

25 dicembre 2018

48426506_10216402463847033_7513359296470450176_n

BUON NATALE E FELICE ANNO NUOVO…..RESISTENTE!

21 dicembre 2018

image001

MOSTRA FOTOGRAFICA SUI GARIBALDINI NELLA I GUERRA MONDIALE: Liceo Mariano IV, dal 13 Dicembre 2018 al 9 Gennaio 2019

10 dicembre 2018

mostra

18 novembre 2018

BENVENUTI, NUOVI ISCRITTI: GRAZIE PER AVER SCELTO L’ANPI E I SUOI VALORI!

https://www.facebook.com/search/top/?q=anpi%20oristano

GIORNATA NAZIONALE DEL TESSERAMENTO 2019: ORISTANO, SABATO 17 NOVEMBRE 2018, PIAZZA ELEONORA

17 novembre 2018

46288107_451545818585345_8858165955449061376_n

MARTEDI’ 30 OTTOBRE, PRESENTAZIONE DEL LIBRO “IL NEMICO” DI VINDICE LECIS

20 ottobre 2018

Scan0098

NE ABBIAMO FATTA DI STRADA, DAL 25 APRILE 2017! ALTRI 72 NOMI SONO USCITI DALL’OBLIO, E SONO QUI A RICORDARCI IL PREZZO DELLA LIBERTA’. NON DIMENTICHIAMOLI!

12 ottobre 2018

Ecco il  NUOVO ELENCO alfabetico, aggiornato e numerato, dei Partigiani della Provincia di Oristano. All’interno dell’Atlante, NELLA BARRA ROSSA IN ALTO,  trovate le schede biografiche essenziali di ciascuno di essi.                                                            L’elenco viene costantemente  aggiornato con i nuovi  nominativi che emergono e/o sono verificati e riscontrati nelle banche dati e negli archivi. Per facilitare la consultazione dell’Atlante online, i nominativi non compresi nella versione cartacea (che ne riportava 108) sono in rosso.

“Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì, o giovani, col pensiero, perchè lì è nata la nostra costituzione”

Pietro Calamandrei, Discorso ai giovani sulla Costituzione nata dalla Resistenza. Milano, 26 Gennaio 1955

Elenco in costante aggiornamento con nuovi nomi, date e luoghi di nascita. Ultimo aggiornamento 16/04/19

  1. ACCA ANTONIO, BOSA, 1914
  2. AMENO GIULIO, SANTU LUSSURGIU, 1926
  3. ANGOTZI COSTANTINO, CUGLIERI, 1909
  4. ARCAI CHIRRA ANTONIO, MONTRESTA, 1918
  5. ARDU REDUINO, URAS, 1923
  6. ARDU SALVATORE, SUNI, 1918
  7. ARDU VINCENZO, BUSACHI, 1883
  8. ATTENE GIUSEPPE,CUGLIERI,  1920
  9. ATZEI RENZO, GONNOSTRAMATZA, 1921
  10. BICHI SALVATORE, ORISTANO, 1917
  11. BROCCIA MARIO, MOGORO, 1919
  12. BUSONERA FLAVIO, ORISTANO, 1894
  13. CABONI GIORGIO, BARESSA, 1909
  14. CADDEO GIORGIO, MOGORO, 1908
  15. CADONI BENIAMINO, ORISTANO, 1906
  16. CANIBUS GIACOMO, ORISTANO, 1909
  17. CANSELLA GIOVANNI, CUGLIERI, 1910
  18. CARBONI PIETRO, PAULILATINO, 1914
  19. CARICCIA SALVATORE, SOLARUSSA, 1920
  20. CARRUS CIRIACO, SAN VERO MILIS, 1925
  21. CARTA MARIO, ABBASANTA, 1919
  22. CASANOVA ANTONIO, BOSA,1910
  23. CASTI EUGENIO, SENIS, 1891
  24. CASU PIETRO, ORISTANO, 1903
  25. CASULA QUIRICO, NORBELLO,1908
  26. CAU AURELIO, GONNOSNO’, 1890
  27. CAULI GIUSEPPE, PAU, 1920
  28. COCCO PASQUALE, SEDILO, 1921
  29. COGHE CLEMENTE, NORBELLO, 1918
  30. CONTU TERENZIO, USELLUS, 1923
  31. CORDELLA GIOVANNI, PAULILATINO, 1913
  32. COROS COSTANTINO, SUNI, 1906
  33. COROS GIACOMO, SUNI, 1921
  34. CORRIAS ANTONINO, ORISTANO, 1917
  35. COSSU ALDO, ALLAI, 1920
  36. COSSU FRANCESCO, ABBASANTA,1919
  37. COSSU ONOFRIO, USELLUS, 1923
  38. COTZA BENEDETTO, TRESNURAGHES, 1906
  39. CRABA LUIGI, SIAPICCIA, 1920
  40. DE CESARIS NELSON, CABRAS, 1908
  41. DE MARTIS FRANCESCO, SAGAMA, 1905
  42. DEIANA ERMENEGILDO, NEONELI 1920
  43. DEIANA GIUSEPPE, RUINAS, 1899
  44. DERIU DIEGO, SUNI, 1921
  45. DERIU GIOMMARIA, MODOLO, 1918
  46. DESSENA FRANCESCO, GHILARZA, 1903
  47. DESSI GIOVANNA, FORDONGIANUS
  48. DESSI’ GIOVANNI, RIOLA SARDO, 1921
  49. DESSY GIOVANNI, ORISTANO, 1904
  50. DETTORI MARCO, SAGAMA, 1918
  51. FADDA FRANCESCO, BUSACHI, 1917
  52. FADDA FRANCESCO, SUNI 1918
  53. FADDA RINALDO, ORISTANO, 1910
  54. FAIS GIOVANNI, BONARCADO
  55. FALCHETTO GIAN MARIA, BOSA 1898
  56. FANCELLO FRANCESCO, ORISTANO, 1884
  57. FARA GIOVANNI, NARBOLIA, 1897
  58. FENU CAMILLO, SAN VERO MILIS, 1902
  59. FENU SEBASTIANO, SAN VERO MILIS, 1896
  60. FEURRA ANTONIO, SENEGHE, 1898
  61. FIRINU GIOVANNI, SANTU LUSSURGIU, 1925
  62. FLORIS ANGELINO, PAU, 1923
  63. FODDIS SALVATORE, SAMUGHEO
  64. FRAU ANTONIO, RUINAS, 1920
  65. FRESI SEBASTIANO, MONTRESTA, 1924
  66. FRONGIA FRANCESCO SAMUGHEO, 1921
  67. FRONGIA RAIMONDO, SAMUGHEO, 1921
  68. GALLISTRU ALFREDO, RUINAS, 1922
  69. GESSA ANTONIO, LACONI, 1892
  70. GIUSTI GIOVANNI, BOSA, 1910
  71. IBBA DOMENICO, ABBASANTA, 1911
  72. IBBA EFISIO, SORRADILE, 1899
  73. LAI FRANCESCO ANTONIO, ARDAULI,1904
  74. LEDDA ALFONSO,BOSA, 1924
  75. LEDDA DANIELE, BONARCADO, 1924
  76. LICHERI FRANCESCO, ABBASANTA, 1901
  77. LOCCHI GIUSEPPE, RIOLA SARDO, 1918
  78. LOCCI SALVATORE, RIOLA SARDO
  79. LOI EFISIO, FORDONGIANUS, 1892
  80. LORU PIETRO, BOSA, 1919
  81. LUTZU GAETANO, BAULADU 1918
  82. LUTZU SEVERINO, SEDILO, 1908
  83. MADAU PIETRINO, TRESNURAGHES, 1907
  84. MANCA ANTIOCO, SORRADILE, 1921
  85. MANCA GIUSEPPE, NURACHI, 1906
  86. MANCA ENRICO, ORISTANO, 1892
  87. MANCA ETTORE, ORISTANO, 1920
  88. MANCA GESUINO, TERRALBA, 1917
  89. MANCA GIULIO, TRAMATZA, 1911
  90. MANCA MARIO, NEONELI, 1919
  91. MANCONI LUIGI, ABBASANTA,1908
  92. MANIS GIUSEPPE, ORISTANO, 1922
  93. MARINI GIUSEPPE, TRESNURAGHES, 1920
  94. MEDAS GIUSEPPE, NARBOLIA, 1908
  95. MEDDA ERNESTO, GONNOSTRAMATZA, 1920
  96. MEDDE ANGELINO, NORBELLO, 1921
  97. MELIS IGNAZIO, LACONI, 1915
  98. MELIS MICHEL, SORRADILE, 1923
  99. MELONI FLAVIO, GHILARZA, 1928
  100. MOZZO ANGELO, SUNI, 1921
  101. MURA GIOVANNI (di Francesco), SANTU LUSSURGIU, 1920
  102. MURA LUIGI, SIAMAGGIORE
  103. MURA LUIGI, SOLARUSSA, 1918
  104. MURGIA FRANCESCO, SANTU LUSSURGIU, 1919
  105. MURU ANTONIO, SOLARUSSA, 1920
  106. MUSIU GIUSEPPE, CABRAS, 1920
  107. MUSIU PIERINO, CABRAS, 1922
  108. NAITANA EFISIO, BOSA, 1915
  109. OBBILI GIULIANO, ASSOLO, 1918
  110. OBINU CARLO, PAULILATINO, 1910
  111. OBINU GIOVANNI MARIA, BOSA, 1899
  112. OLIA MARIO, SOLARUSSA, 1919
  113. ONIDA ANTONIO, GHILARZA, 1918
  114. ONNIS RAYMOND, TERRALBA, 1906
  115. ORRU’ COSIMO, SAN VERO MILIS, 1910
  116. PALA ANTONIO DIEGO, SANTU LUSSURGIU
  117. PALA OVIDIO, SANTU LUSSURGIU
  118. PASSERO’ ANTONIO, MONTRESTA, 1916
  119. PASSONE ALFONSO, BOSA, 1919
  120. PERRIA ANGELO, MASULLAS, 1921
  121. PILI SALVATORE, MARRUBIU, 1918
  122. PINNA ANTONANGELO, SCANO DI MONTIFERRO, 1917
  123. PINNA ANTONIO, SCANO DI MONTIFERRO, 1921
  124. PINNA GIOVANNINO, ORISTANO, 1920
  125. PINNA SALVATORE, ARDAULI, 1917
  126. PINTORE FRANCESCO, NUGHEDU SANTA VITTORIA, 1914
  127. PIRAS GIUSEPPE, SANTU LUSSURGIU, 1921
  128. PIRAS POLANO MARIA, ORISTANO, 1897
  129. PIRRI MASSIMINO, GONNOSTRAMATZA, 1909
  130. PISCHEDDA ANDREA, ULA TIRSO, 1918
  131. PISCHEDDA LORENZO, GONNOSNO’, 1904
  132. PODDA GIUSEPPE, MOGORO
  133. PODDIGHE (PODDDIGLE) GIOVANNI, SCANO DI MONTIFERRO, 1920
  134. POGGI ANGELO, SUNI, 1921
  135. PORCHEDDU DARIO, CABRAS, 1922
  136. PORCU PALMERIO, GHILARZA, 1909
  137. PRINTZIS VIRGILIO, SAN NICOLO’ D’ARCIDANO, 1919
  138. PUDDU DIEGO, SANTU LUSSURGIU, 1920
  139. PUTZOLU (PULZUL) ANTONIO, GHILARZA, 1918
  140. PUTZOLU GIOVANNI, ARDAULI
  141. RAGA ANTONIO, BOSA, 1907
  142. SABA ABELE, ORISTANO 1913
  143. SALARIS(I) ANTONIO, SENEGHE, 1920
  144. SALARIS BERNARDO, SIAMANNA, 1920
  145. SANNA ANTONIO, ORISTANO, 1879
  146. SANNIA CARLO, ABBASANTA, 1897
  147. SANNA GIOVANNI, SAMUGHEO, 1917
  148. SANNA GIUSEPPE, ORISTANO, 1908
  149. SANNA SALVATORE, MASULLAS, 1907
  150. SARDU ANGELINO, MONTRESTA, 1920
  151. SCALAS GIOVANNI, SANTA GIUSTA, 1923
  152. SCANU PIETRO, URAS, 1920
  153. SECCHI GIOVANNI, MOGORO, 1902
  154. SECCHI GIUSEPPE, MODOLO, 1905
  155. SEDDA LUIGINO, ASSOLO
  156. SERMENGHI CESARE, TERRALBA, 1918
  157. SERRA DOMENICO, ABBASANTA, 1920
  158. SIAS SALVATORE, RIOLA SARDO, 1902
  159. SIAS SALVATORE, SANTU LUSSURGIU, 1922
  160. SIMBULA SERAFINO, RIOLA, 1920
  161. SIMULA ANGELO, CUGLIERI
  162. SOIS ANTONIO (ANTIMINO), SOLARUSSA 1920
  163. SONIS GESUINO (SONYS GUNUINO), URAS, 1923
  164. SOTGIA LELIO, BOSA, 1925
  165. SPIGA FRANCESCANGELO, NUGHEDU SANTA VITTORIA
  166. TATTI EUGENIO, RUINAS, 1919
  167. TAMBURINI ANTONIO, MAGOMADAS, 1920
  168. TEDDE ALBINO, SUNI, 1924
  169. TURNU(O) FRANCESCO, ALES, 1899
  170. UNALI ANGELO, TRESNURAGHES, 1904
  171. URRACI FERMELIO, ALES, 1917
  172. VACCA COSIMO, ABBASANTA, 1923
  173. VACCA PIETRINO, SIMALA, 1899
  174. ZANDA GIOVANNI, BONARCADO,1923
  175. ZOCCHEDDU GIOVANNI, CABRAS
  176. ZUCCA ANTONIO, NEONELI, 1920
  177. ZUCCA GIOVANNI, VILLAURBANA, 1920
  178. ZUCCA GIOVANNINO, CABRAS, 1926
  179. ZUCCONI ANTONIO, SUNI, 1920
  180. ZUDDAS SALVATORE, NURAXINIEDDU, 1920

 

29 SETTEMBRE 2018, 80° DELLE LEGGI RAZZIALI: CON CARLA NESPOLO AL LICEO MARIANO IV

12 ottobre 2018

L'immagine può contenere: una o più persone e spazio al chiuso

29 SETTEMBRE 2018: 80° DELLE LEGGI RAZZIALI, NELLA SALA CONSILIARE DEL COMUNE DI ORISTANO

12 ottobre 2018

L'immagine può contenere: 2 persone, spazio al chiuso

29 SETTEMBRE 2018, CON CARLA NESPOLO PER I VALORI DELL’ANPI

12 ottobre 2018

L'immagine può contenere: 3 persone, spazio al chiuso

29 SETTEMBRE: LA NOSTRA PRESIDENTE NAZIONALE CARLA NESPOLO A ORISTANO

23 settembre 2018

29 settembre locandina-invito 29 settembre locandina-invito per fb

 

29 settembre locandina-invito per fb 2

RELAZIONI PERICOLOSE

30 luglio 2018
ANPI Oristano ha condiviso un post.
18 h · 
 

Cossu Carla ha condiviso un post sul diario di ANPI Oristano.

QUESTO E’ L’INCREDIBILE POST SCRITTO DA UN MINISTRO DELLA REPUBBLICA ITALIANA, NEANCHE UNO QUALSIASI, MA IL MINISTRO DELL’INTERNO, CHE RIPORTA UNA CELEBRE FRASE DI MUSSOLINI, PROPRIO NEL 135° ANNIVERSARIO DELLA SUA NASCITA! CHE DIRE? FACCIAMO QUALCHE IPOTESI: 1) NON LO SAPEVA:  COSA GRAVE. UN MINISTRO NON PUO’ IGNORARE LA STORIA D’ITALIA; 2) LO SAPEVA, E STRIZZA L’OCCHIO AI FASCISTI MAI REDENTI O NEW ENTRIES, MAGARI PER CERCARE I VOTI E IL CONSENSO DELLA GALASSIA NERA: COSA GRAVISSIMA, IN CONTRASTO CON LA NATURA DEMOCRATICA E GENETICAMENTE ANTIFASCISTA DELLA COSTITUZIONE; 3) E’ STATO FRAINTESO E SMENTIRA’ DECISAMENTE 4) I BAMBINI GLI HANNO SOTTRATTO IL CELLULARE E PER GIOCO, MAGARI VOLENDO IMITARE IL PAPA’, HANNO DIGITATO LE PAROLE INCRIMINATE; 5) UN EXTRACOMUNITARIO APPENA SBARCATO DALLA CROCIERA, ARRABBIATO PERCHE’ E’ FINITA LA PACCHIA, I COMBUTTA CON LE DEMOCRAZIE PLUTOCRATICHE DELL’OCCIDENTE, GLI HA RUBATO LO SMARTPHONE E HA DIGITATO LA FRASE PER CREARE UN CASO; 6) E’ UNA FAKE NEWS, CHE DIAMINE!

 Tanti nemici, tanto onore! 😘

E QUESTA E’ LA DICHIARAZIONE DELLA NOSTRA PRESIDENTE NAZIONALE CARLA NESPOLO:

“È gravissimo e inaccettabile che un Ministro della Repubblica italiana, nata dalla Resistenza, faccia suo lo stile propagandistico di Mussolini, un criminale, guerrafondaio, massacratore della libertà e dei più deboli. Il sentiero su cui Matteo Salvini ha avviato il suo “operato” si scontra sempre di più col dettato di democrazia e civiltà della Costituzione. Si ponga fine immediatamente – mi appello ai silenti alleati di Governo del Ministro dell’Interno – a queste continue e nostalgiche aberrazioni”.

 Carla Nespolo – Presidente nazionale ANPI

30 luglio 2018

1938: IL MANIFESTO DELLA RAZZA DEGLI SCIENZIATI FASCISTI

14 luglio 2018

QUESTO E’ IL MANIFESTO DEGLI SCIENZIATI RAZZISTI (ci può essere un ossimoro più assurdo di questo?) PUBBLICATO SUL GIORNALE D’ITALIA IL 14 LUGLIO 1938, ALLA VIGILIA DELLA PROMULGAZIONE DELLE LEGGI RAZZIALI………

A settembre, con la nostra Presidente Carla Nespolo, a Oristano parleremo di leggi razziali, e forse si capirà meglio cosa significhi essere antifascisti oggi. Significa non solo tramandare la memoria di chi ha lottato o combattuto per la libertà di tutti, ma difendere i valori della Resistenza incarnati nella Costituzione: democrazia, pace, solidarietà, rispetto dei diritti dei cittadini e dei popoli. 
Significa respingere razzismo e discriminazioni, non farsi condizionare dalla paura e dalla necessità di avere un nemico esterno sul quale far ricadere le colpe di tutto quello che va male. Significa avere il coraggio di opporsi ai deliri di onnipotenza di capi e capetti, e tenere la schiena dritta. SEMPRE!

razza

 

Per chi crede che l’istruzione, o la “cultura”, da sole, possano bastare a tener lontane aberrazioni come questa, ecco i nomi e i titoli degli “scienziati razzisti”, come risulta dal comunicato del PNF, datato 25 luglio 1938: ” Erano presenti i fascisti dott. Lino Businco, assistente di patologia generale nell’Università di Roma, prof. Lidio Cipriani, incaricato di antropologia nell’Università di Firenze direttore del Museo Nazionale di antropologia ed etnologia di Firenze, prof. Arturo Donaggio, direttore della clinica neuropsichiatrica dell’Università di Bologna, presidente della Società italiana di psichiatria, dott. Leone Franzí, assistente nella clinica pediatrica dell’Università di Milano, prof. Guido Landra, assistente di antropologia nell’Università di Roma, sen. Nicola Pende, direttore dell’Istituto di patologia speciale medica dell’Università di Roma, dott. Marcello Ricci, assistente di zoologia all’Università di Roma, prof. Franco Savorgnan, ordinario di demografia nell’Università di Roma, presidente dell’Istituto centrale di statistica, on. Sabato Visco, direttore dell’Istituto di fisiologia generale dell’Università di Roma e direttore dell’Istituto nazionale di biologia presso il Consiglio nazionale delle ricerche, prof. Edoardo Zavattari, direttore dell’Istituto di zoologia dell’Università di Roma. Il sardo LINO BUSINCO fu il primo firmatario del Manifesto, e ricoprì in seguito prestigiosi incarichi volti alla “difesa della pura razza ariana” (nella quale, non senza difficoltà e discussioni furono inseriti anche i Sardi), tra i quali il più significativo, almeno per come poi si sviluppò la storia, fu quello di “membro del Comitato segreto italo-germanico per le questioni razziali “, insieme a Himmler ed Hess!

IL DIRITTO ALLA SALUTE

3 luglio 2018

Diapositiva1Diapositiva2Diapositiva3Diapositiva4Diapositiva5Diapositiva6Diapositiva7

A San Vero Milis un Convegno sulla Sanità veramente interessante e coinvolgente!

30 giugno 2018

Oggi, 30 Giugno, nell’Aula Consiliare del Comune di San Vero, numerosi relatori, e l’ANPI in particolare,  hanno parlato del ruolo fondamentale della Sanità pubblica – nei suoi variegati aspetti – per i diritti e la dignità della persona. Infatti e non a caso il diritto alla salute è considerato fondamentale nella nostra Costituzione e nei trattati dell’Unione Europea, una vera e propria conquista di civiltà e uguaglianza reale dei cittadini dopo l’orrore del secondo conflitto mondiale. Pertanto non poteva sfuggire, e non è sfuggito, l’impatto devastante sui territori e sui cittadini della progressiva privatizzazione dei servizi sanitari, dei tagli di spesa, delle “razionalizzazioni”, che troppo spesso sono espressione di logiche aziendalistiche e iperliberiste, nelle quali la “salute” è considerata alla stregua di qualsiasi altra attività economica, come tale soggetta alla legge del profitto. Un pubblico numeroso, attentissimo e molto partecipe ha posto problemi e domande, confrontandosi in particolare con l’Assessore RAS Arru, e ha rimarcato l’importanza dell’informazione e della partecipazione attiva dei soggetti – noi tutti – alle scelte politiche che riguardano la Sanità. Un sentito grazie agli organizzatori del Convegno: il Comune di San Vero Milis, e in particolare il Sindaco Luigi Tedeschi; Medicina Democratica e il suo Coordinatore Francesco Carta, l’ Associazione Italiana  Esposti amianto. Iniziativa importante, da ripetere e da sostenere, perchè quando si parla di Diritti costituzionalmente garantiti, l’ANPI è sempre in prima fila!

Il diritto dei cittadini alla salute: ne parleremo sabato 30 Giugno a San Vero Milis

23 giugno 2018

locandina-30-6-2018-ter

LA STORIA DI ABELE SABA, PARTIGIANO E DEPORTATO POLITICO ORISTANESE

17 giugno 2018

Carissimi, sulla bella rivista on line icoNUR, curata da Vincenzo Medde, il mio articolo che ricostruisce la biografia di Abele Saba. Lo trovate a questo link:

https://www.iconur.it/storia-degli-uomini

Buona lettura! Carla Cossu

LUNEDI’ 11 VI ASPETTIAMO AL CENTRO SERVIZI CULTURALI PER PARLARE DI GIUSEPPE ZUDDAS

7 giugno 2018

Scan0142

IL 6 GIUGNO PARLEREMO DI COSTITUZIONE ALL’I.T. “L.MOSSA”

29 maggio 2018

Scan0143

GIUSEPPE ZUDDAS, UN ANTIFASCISTA ALLA GUERRA DI SPAGNA

21 maggio 2018

Scan0142

L’appello della nostra Presidente per la strage in Palestina

15 maggio 2018

Pubblichiamo l’accorato appello della nostra Presidente sui fatti di questi giorni in Palestina

“Siamo indignati per il bagno di sangue che sta avvenendo in Palestina. La decisione americana di spostare la propria ambasciata a Gerusalemme e l’entusiastico consenso del governo israeliano contraddicono la storia millenaria di una città internazionale, culla e luogo di culto di varie religioni. Tale decisione è vissuta come un gravissimo oltraggio ed è stata condannata nel dicembre 2017 dalla Assemblea generale dell’ONU. L’inaugurazione dell’ambasciata, le stragi delle scorse settimane e il massacro di ieri potranno causare conseguenze gravissime per Israele e Palestina, per il Medio Oriente e per il mondo intero. È sconcertante l’impotenza della comunità internazionale. In altri casi per molto meno sono stati assunti concreti provvedimenti. Non basta l’assenza delle delegazioni della grande maggioranza dei Paesi dell’UE all’inaugurazione dell’ambasciata americana. Le Nazioni Unite e l’Unione Europea si muovano immediatamente. I governi europei e gli stessi partiti italiani assumano una posizione chiara e ferma. Mai come oggi occorre rilanciare la proposta di due popoli in due Stati, perché la politica dei muri e della repressione feroce porta soltanto a nuovi e catastrofici sviluppi”.

 

Carla Nespolo – Presidente Nazionale ANPI

15 maggio 2018

 

Con preghiera di pubblicazione

L’ANPI e alcune questioni connesse al 25 aprile

7 maggio 2018

L’ANPI e alcune questioni connesse al 25 aprile

7 Maggio 2018

E’ SCOMPARSO FRANCESCO PRANTEDDU

30 aprile 2018

CI HA LASCIATI FRANCESCO PRANTEDDU, IL PROMOTORE DELLA RICOSTITUZIONE DELL’ANPI IN SARDEGNA. QUI DI SEGUITO IL RICORDO DI MARCO SINI, COORDINATORE REGIONALE. ALLA MOGLIE ERMINIA E A TUTTI I FAMILIARI LE PIU’ AFFETTUOSE CONDOGLIANZE MIE PERSONALI E DEL COMITATO PROVINCIALE DI ORISTANO.     

Carla Cossu

Francesco Pranteddu, l’impegno politico nel segno dell’Antifascismo.

Questa mattina ci ha lasciato il nostro caro compagno Francesco Pranteddu. E’ difficile racchiudere in poche frasi un ricordo compiuto di Francesco. La prima nota che mi viene in mente è che Francesco è stato il promotore e l’artefice della ricostituzione dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia in Sardegna. L’ANPI in Sardegna era presente nell’immediato dopoguerra e solo il Comitato provinciale di Cagliari nel 1948 contava poco meno di 1000 iscritti. Quell’ANPI fu sciolta per dissidi insanabili tra sezione di Cagliari e ANPI Nazionale. Da quel momento in Sardegna la voce dei partigiani è stata raccolta dall’UAPS (Unione Autonoma dei Partigiani Sardi) che, sotto l’impulso e la direzione di Dario Porcheddu ha tenuto viva la voce e le istanze dei Partigiani sardi. Accanto all’UAPS la voce degli antifascisti è stata rappresentata ed animata dall’ANPPIA di Giovanni Lai, Pierino Pinna, Dino Cocco e tanti altri.

Francesco Pranteddu era nato a Aritzo e fin da ragazzo ha militato nella Federazione Giovanile Comunista e poi nel PCI diventandone un funzionario a tempo pieno della Federazione di Nuoro.

Dopo una esperienza alla Lega delle Cooperative di Oristano dopo aver vinto un concorso al Ministero del Lavoro si è trasferito a Milano dove ha continuato nell’impegno politico e sindacale nella CGIL. Andato in pensione all’inizio degli anni ’90 è rientrato in Sardegna fissando la sua residenza a Cagliari. Naturalmente non gli si addiceva la vita di semplice pensionato e anche qui ha continuato nell’impegno politico all’interno dell’ANPPIA. Con l’ANPPIA ha pubblicato il suo libro “Libero, un Partigiano sardo e il suo tempo” frutto di una ricerca e della ricostruzione della vicenda partigiana del suo fratello maggiore Liberato Pranteddu.

Quando poco dopo il 2006 il Congresso nazionale dell’ANPI ha deliberato che all’Associazione dei Partigiani potevano aderire anche i non Partigiani con il vincolo dell’essere “Antifascisti, e difensori e amanti della Costituzione nata dalla Resistenza”, Francesco Pranteddu è stato contattato dall’ANPI Nazionale e nominato “Fiduciario” con il compito di ricostruire l’ANPi e le sue strutture statutarie in Sardegna.

Francesco ha iniziato un lavorio fatto di contatti e di riunioni e dal 2009 in poi, con la sua sapiente regia politica e organizzativa ha contribuito come promotore e artefice alla ricostituzione dell’ANPI in Sardegna con la costituzione dei singoli Comitati provinciali e l’avvio della costituzione delle sezioni nelle città e nei principali centri della Sardegna. E’ stato Presidente del Comitato ANPI di Cagliari e il Coordinatore regionale di ANPI Sardegna.

Se oggi l’ANPI in Sardegna è una Associazione autorevole ed è partecipe del confronto e delle battaglie politico culturali che propongono i valori dell’Antifascismo, della Resistenza e della Costituzione, la ricerca e l’attualizzazione della Memoria unitamente al contrasto del razzismo e della xenofobia, dell’accoglienza e della Pace,  lo dobbiamo a Francesco e alla sua volontà e determinazione.

A nome dei componenti e di tutti gli iscritti ai Comitati provinciali ANPI della Sardegna trasmetto la più sentita partecipazione al dolore di Erminia e dei familiari per la sua scomparsa.

Marco Sini

Coordinatore ANPI Sardegna

 

 

CELEBRATA LA FESTA DELLA RESISTENZA

27 aprile 2018

SU LA NUOVA SARDEGNA DI IERI, 26 APRILE, OGGI DISPONIBILE ANCHE ON LINE

(immagine gentilmente concessa da Marcello Marras, CSC UNLA, OR)Visualizza la notizia: Festa della Liberazione - Anpi e Comune ancora insieme per le celebrazioni

 

ANPI E COMUNE DI ORISTANO ANCORA INSIEME PER IL 25 APRILE

26 aprile 2018

COMUNICATO E FOTO SU http://www.comune.oristano.it

Il Comitato Provinciale Anpi e il Comune di Oristano hanno organizzato una due giorni sui temi della Resistenza e della Liberazione dal Nazifascismo, il cui 73° Anniversario è stato solennemente celebrato ieri, 25 Aprile, nell’Aula Consiliare del Comune, alla presenza delle massime autorità civili e militari – tra le quali il Prefetto di Oristano – e di un folto pubblico.

I lavori sono stati introdotti dall’Assessore alla Cultura Massimiliano Sanna che ha sottolineato l’importanza della Resistenza nella costruzione dell’Italia democratica e della sua Costituzione.

Sulla Costituzione, e sui diritti e valori che essa incarna e tutela, si è incentrato l’intervento del Sindaco Andrea Lutzu, ricordando che “occorre custodire la libertà e la democrazia che ci sono state donate grazie al sacrificio dei tanti che si opposero al nazifascismo”.

Degli stessi temi ha parlato il Prefetto di Oristano Giuseppe Guetta, ricordando l’orrore della guerra e l’importanza della pace.

Carla Cossu, Presidente del Comitato Provinciale ANPI, ha tracciato un profilo storiografico della Resistenza, soffermandosi in particolare sull’attività partigiana degli Oristanesi nelle varie regioni italiane e all’estero, così come si evidenzia nell’Atlante dei Partigiani della Provincia di Oristano, pubblicato lo scorso anno ma in costante aggiornamento.

Il ruolo dei meridionali nella Resistenza era stato già delineato nel corso della conferenza svoltasi sabato presso l’Hospitalis Sancti Antoni, organizzata in collaborazione Comune-ANPI-ISTASAC, alla presenza e con l’intervento del Vicesindaco e del Prefetto, degli studiosi Alberto De Bernardi, Aldo Borghesi, Carla Cossu e del Vicepresidente Nazionale dell’ANPI Vincenzo Calò. 

A testimonianza di quanto interessante sia per i ricercatori storici il tema Resistenza-Meridionali, la seconda parte della cerimonia del 25 aprile nella Sala Consiliare è stata dedicata alla presentazione del libro “La Sardegna e la Guerra di Liberazione”, curato da Daniele Sanna.

Il libro, che è stato presentato dallo storico Claudio Vercelli, ha visto l’apporto di numerosi autori ed è frutto delle iniziative CENTRO SERVIZI CULTURALI UNLA DI ORISTANO – ISSASCO – NUR -BIBLIOTECA GRAMSCIANA.

Infine, di grande rilievo, la presenza in Sala e l’appassionato discorso del novantacinquenne comandante Partigiano Nino Garau che ha concluso la serata con un appello a non dimenticare. Hanno partecipato anche Marcello Marras (Direttore del Centro servizi culturali di Oristano), Walter Falgio dell’Issasco e Giuseppe Manias della Biblioteca Gramsciana.

73° Anniversario FESTA DELLA LIBERAZIONE

24 aprile 2018

Scan0088

73° Anniversario FESTA DELLA LIBERAZIONE

23 aprile 2018

25aprileLoc1 (1) (1)

ORISTANO, 25 Aprile 2018 – Sala Consiliare Comune di Oristano

In occasione del 73° anniversario della Liberazione
Il Comune di Oristano, l’ANPI Comitato Provinciale Oristano, il Centro Servizi Culturali UNLA di Oristano, la Biblioteca Gramsciana Onlus, la Nur s.n.c, l’ISSASCO organizzano

ANTIFASCISMO · DEMOCRAZIA · FUTURO
1945-2018: 73° Anniversario
FESTA DELLA LIBERAZIONE

ORE 17,00
Saluti:
Andrea Lutzu (Sindaco di Oristano)
Giuseppe Guetta (Prefetto di Oristano)
Massimiliano Sanna (Assessore alla Cultura Comune di Oristano)

Carla Cossu (Presidente Provinciale ANPI Oristano):
Il significato della Resistenza e i Partigiani di Oristano

Coordina Massimiliano Sanna (Assessore alla Cultura Comune di Oristano)

ORE 18,00
Presentazione del volume
La Sardegna e la Guerra di Liberazione (Franco Angeli)
a cura di Daniele Sanna

Introduce:
Marcello Marras (Direttore Centro Servizi Culturali U.N.L.A. di Oristano)

Intervengono:
Claudio Vercelli (Storico – Università Cattolica di Milano)
Daniele Sanna (Curatore volume)
Walter Falgio (ISSASCO)

Partecipa il comandante partigiano Nino Garau

Coordina la presentazione del libro Giuseppe Manias Biblioteca Gramsciana

 

24 MARZO 1944-24 MARZO 2018: 74° ANNIVERSARIO DELL’ECCIDIO DELLE FOSSE ARDEATINE

22 marzo 2018

IL 24 MARZO 1944 SI CONSUMO’ UNA DELLE PEGGIORI STRAGI NAZIFASCISTE IN ITALIA: 335 italiani,  civili e militari, partigiani, prigionieri politici, ebrei, detenuti comuni e cittadini rastrellati a caso,  furono condotti  alla cava di pozzolana sulla via Ardeatina e lì, in gruppi di cinque,  barbaramente trucidati. I cadaveri furono occultati facendo brillare cariche esplosive. La catena di comando ebbe come protagonisti, tra gli altri,  i tristemente noti Kesserling, Keppler e Priebke. I più giovani tra le vittime  due ragazzi di  15 anni, il più anziano un uomo di 74. Tra gli assassinati 9 sardi, di cui 5 civili: 

Gavino De Lunas (Padria,1895), impiegato delle Poste e cantautore;

Salvatore Canalis (Tula, 1908), docente di lettere; 

Giuseppe Medas (Narbolia, 1908), avvocato;

Sisinnio Mocci (Villacidro, 1903), operaio;

Antonio Ignazio Piras (Lotzorai, 1879), contadino,

e 4  militari:

Pasqualino Cocco (Sedilo, 1921), sergente pilota della Regia Aeronautica;

Agostino Napoleone (Cagliari, 1918), sottotenente di vascello della Regia Marina;

Candido Manca(Dolianova 1907) e Gerardo Sergi (Portoscuso 1917), brigadieri dei Regi Carabinieri.

NON DIMENTICHIAMOLI, MAI!!!

ELENCO ALFABETICO DEI PARTIGIANI DELLA PROVINCIA DI ORISTANO

20 febbraio 2018

Ecco il  NUOVO ELENCO alfabetico, aggiornato e numerato, dei Partigiani della Provincia di Oristano. All’interno dell’Atlante, NELLA BARRA ROSSA IN ALTO,  trovate le schede biografiche essenziali di ciascuno di essi.                                                            L’elenco viene costantemente  aggiornato con i nuovi  nominativi che emergono e/o sono verificati e riscontrati nelle banche dati e negli archivi. Per facilitare la consultazione dell’Atlante online, i nominativi non compresi nella versione cartacea (che ne riportava 108) sono in rosso.

“Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì, o giovani, col pensiero, perchè lì è nata la nostra costituzione”

Pietro Calamandrei, Discorso ai giovani sulla Costituzione nata dalla Resistenza. Milano, 26 Gennaio 1955

Elenco in costante aggiornamento con nuovi nomi, date e luoghi di nascita. Ultimo aggiornamento 12/07/18

  1. ACCA ANTONIO, BOSA, 1914
  2. AMENO GIULIO, SANTU LUSSURGIU, 1926
  3. ANGOTZI COSTANTINO, CUGLIERI, 1909
  4. ARCAI CHIRRA ANTONIO, MONTRESTA, 1918
  5. ARDU REDUINO, URAS, 1923
  6. ARDU VINCENZO, BUSACHI, 1883
  7. ATTENE GIUSEPPE,CUGLIERI,  1920
  8. ATZEI RENZO, GONNOSTRAMATZA, 1921
  9. BICHI SALVATORE, ORISTANO, 1917
  10. BROCCIA MARIO, MOGORO, 1919
  11. BUSONERA FLAVIO, ORISTANO, 1894
  12. CABONI GIORGIO, BARESSA, 1909
  13. CADDEO GIORGIO, MOGORO, 1908
  14. CADONI BENIAMINO, ORISTANO, 1906
  15. CANIBUS GIACOMO, ORISTANO, 1909
  16. CANSELLA GIOVANNI, CUGLIERI, 1910
  17. CARBONI PIETRO, PAULILATINO, 1914
  18. CARICCIA SALVATORE, SOLARUSSA, 1920
  19. CARRUS CIRIACO, SAN VERO MILIS, 1925
  20. CARTA MARIO, ABBASANTA, 1919
  21. CASANOVA ANTONIO, BOSA,1910
  22. CASTI EUGENIO, SENIS, 1891
  23. CASU PIETRO, ORISTANO, 1903
  24. CASULA QUIRICO, NORBELLO,1908
  25. CAU AURELIO, GONNOSNO’, 1890
  26. CAULI GIUSEPPE, PAU, 1920
  27. COCCO PASQUALE, SEDILO, 1921
  28. COGHE CLEMENTE, NORBELLO, 1918
  29. CONTU TERENZIO, USELLUS, 1923
  30. CORDELLA GIOVANNI, PAULILATINO, 1913
  31. COROS COSTANTINO, SUNI, 1906
  32. COROS GIACOMO, SUNI, 1921
  33. CORRIAS ANTONINO, ORISTANO, 1917
  34. COSSU ALDO, ALLAI, 1920
  35. COSSU FRANCESCO, ABBASANTA,1919
  36. COSSU ONOFRIO, USELLUS, 1923
  37. COTZA BENEDETTO, TRESNURAGHES, 1906
  38. CRABA LUIGI, SIAPICCIA, 1920
  39. DE CESARIS NELSON, CABRAS, 1908
  40. DE MARTIS FRANCESCO, SAGAMA, 1905
  41. DEIANA ERMENEGILDO, NEONELI 1920
  42. DEIANA GIUSEPPE, RUINAS, 1899
  43. DERIU DIEGO, SUNI, 1921
  44. DESSENA FRANCESCO, GHILARZA, 1903
  45. DESSI GIOVANNA, FORDONGIANUS
  46. DESSI’ GIOVANNI, RIOLA SARDO, 1921
  47. DESSY GIOVANNI, ORISTANO, 1904
  48. DETTORI MARCO, SAGAMA, 1918
  49. FADDA FRANCESCO, BUSACHI, 1917
  50. FADDA RINALDO, ORISTANO, 1910
  51. FAIS GIOVANNI, BONARCADO
  52. FALCHETTO GIAN MARIA, BOSA 1898
  53. FANCELLO FRANCESCO, ORISTANO, 1884
  54. FARA GIOVANNI, NARBOLIA, 1897
  55. FENU CAMILLO, SAN VERO MILIS, 1902
  56. FENU SEBASTIANO, SAN VERO MILIS, 1896
  57. FEURRA ANTONIO, SENEGHE, 1898
  58. FIRINU GIOVANNI, SANTU LUSSURGIU, 1925
  59. FLORIS ANGELINO, PAU, 1923
  60. FODDIS SALVATORE, SAMUGHEO
  61. FRAU ANTONIO, RUINAS, 1920
  62. FRESI SEBASTIANO, MONTRESTA, 1924
  63. FRONGIA FRANCESCO SAMUGHEO, 1921
  64. FRONGIA RAIMONDO, SAMUGHEO, 1921
  65. GALLISTRU ALFREDO, RUINAS, 1922
  66. GESSA ANTONIO, LACONI, 1892
  67. GIUSTI GIOVANNI, BOSA, 1910
  68. IBBA DOMENICO, ABBASANTA, 1911
  69. IBBA EFISIO, SORRADILE, 1899
  70. LAI FRANCESCO ANTONIO, ARDAULI,1904
  71. LEDDA ALFONSO,BOSA, 1924
  72. LEDDA DANIELE, BONARCADO, 1924
  73. LICHERI FRANCESCO, ABBASANTA, 1901
  74. LOCCHI GIUSEPPE, RIOLA SARDO, 1918
  75. LOCCI SALVATORE, RIOLA SARDO
  76. LOI EFISIO, FORDONGIANUS, 1892
  77. LORU PIETRO, BOSA, 1919
  78. LUTZU GAETANO, BAULADU 1918
  79. LUTZU SEVERINO, SEDILO, 1908
  80. MADAU PIETRINO, TRESNURAGHES, 1907
  81. MANCA ANTIOCO, SORRADILE, 1921
  82. MANCA ANTONIO, NURACHI, 1921
  83. MANCA ENRICO, ORISTANO, 1892
  84. MANCA ETTORE, ORISTANO, 1920
  85. MANCA GESUINO, TERRALBA, 1917
  86. MANCA GIULIO, TRAMATZA, 1911
  87. MANCA MARIO, NEONELI, 1919
  88. MANCONI LUIGI, ABBASANTA,1908
  89. MANIS GIUSEPPE, ORISTANO, 1922
  90. MARINI GIUSEPPE, TRESNURAGHES, 1920
  91. MEDAS GIUSEPPE, NARBOLIA, 1908
  92. MEDDE ANGELINO, NORBELLO, 1921
  93. MELIS MICHEL, SORRADILE, 1923
  94. MELONI FLAVIO, GHILARZA, 1928
  95. MOZZO ANGELO, SUNI, 1921
  96. MURA GIOVANNI (di Francesco), SANTU LUSSURGIU, 1920
  97. MELIS IGNAZIO, LACONI, 1915
  98. MURA LUIGI, SIAMAGGIORE
  99. MURA LUIGI, SOLARUSSA, 1918
  100. MURGIA FRANCESCO, SANTU LUSSURGIU, 1919
  101. MURU ANTONIO, SOLARUSSA, 1920
  102. MUSIU GIUSEPPE, CABRAS, 1920
  103. MUSIU PIERINO, CABRAS, 1922
  104. NAITANA EFISIO, BOSA, 1915
  105. OBBILI GIULIANO, ASSOLO, 1918
  106. OBINU CARLO, PAULILATINO, 1910
  107. OBINU GIOVANNI MARIA, BOSA, 1899
  108. OLIA MARIO, SOLARUSSA, 1919
  109. ONIDA ANTONIO, GHILARZA, 1918
  110. ORRU’ COSIMO, SAN VERO MILIS, 1910
  111. PALA ANTONIO DIEGO, SANTU LUSSURGIU
  112. PALA OVIDIO, SANTU LUSSURGIU
  113. PASSERO’ ANTONIO, MONTRESTA, 1916
  114. PASSONE ALFONSO, BOSA, 1919
  115. PERRIA ANGELO, MASULLAS, 1921
  116. PILI SALVATORE, MARRUBIU, 1918
  117. PINNA ANTONANGELO, SCANO DI MONTIFERRO, 1917
  118. PINNA ANTONIO, SCANO DI MONTIFERRO, 1921
  119. PINNA GIOVANNINO, ORISTANO, 1920
  120. PINNA SALVATORE, ARDAULI, 1917
  121. PINTORE FRANCESCO, NUGHEDU SANTA VITTORIA, 1914
  122. PIRAS GIUSEPPE, SANTU LUSSURGIU, 1921
  123. PIRAS POLANO MARIA, ORISTANO, 1897
  124. PIRRI MASSIMINO, GONNOSTRAMATZA, 1909
  125. PISCHEDDA ANDREA, ULA TIRSO, 1918
  126. PISCHEDDA LORENZO, GONNOSNO’, 1904
  127. PODDA GIUSEPPE, MOGORO
  128. PODDIGHE (PODDDIGLE) GIOVANNI, SCANO DI MONTIFERRO, 1920
  129. POGGI ANGELO, SUNI, 1921
  130. PORCHEDDU DARIO, CABRAS, 1922
  131. PORCU PALMERIO, GHILARZA, 1909
  132. PRINTZIS VIRGILIO, SAN NICOLO’ D’ARCIDANO, 1919
  133. PUDDU DIEGO, SANTU LUSSURGIU, 1920
  134. PUTZOLU (PULZUL) ANTONIO, GHILARZA, 1918
  135. PUTZOLU GIOVANNI, ARDAULI
  136. RAGA ANTONIO, BOSA, 1907
  137. SABA ABELE, ORISTANO 1913
  138. SALARIS(I) ANTONIO, SENEGHE, 1920
  139. SALARIS BERNARDO, SIAMANNA, 1920
  140. SANNA ANTONIO, ORISTANO, 1879
  141. SANNA CARLO, ABBASANTA, 1897
  142. SANNA GIOVANNI, SAMUGHEO, 1917
  143. SANNA GIUSEPPE, ORISTANO, 1908
  144. SANNA SALVATORE, MASULLAS, 1907
  145. SARDU ANGELINO, MONTRESTA, 1920
  146. SCALAS GIOVANNI, SANTA GIUSTA, 1923
  147. SCANU PIETRO, URAS, 1920
  148. SECCHI GIOVANNI, MOGORO, 1902
  149. SECCHI GIUSEPPE, MODOLO, 1905
  150. SEDDA LUIGINO, ASSOLO
  151. SERMENGHI CESARE, TERRALBA, 1918
  152. SERRA DOMENICO, ABBASANTA, 1920
  153. SIAS SALVATORE, RIOLA SARDO, 1902
  154. SIAS SALVATORE, SANTU LUSSURGIU, 1922
  155. SIMBULA SERAFINO, RIOLA, 1920
  156. SIMULA ANGELO, CUGLIERI
  157. SOIS ANTONIO (ANTIMINO), SOLARUSSA 1920
  158. SONIS GESUINO (SONYS GUNUINO), URAS, 1923
  159. SOTGIA LELIO, BOSA, 1925
  160. SPIGA FRANCESCANGELO, NUGHEDU SANTA VITTORIA
  161. TATTI EUGENIO, RUINAS, 1919
  162. TAMBURINI ANTONIO, MAGOMADAS, 1920
  163. TEDDE ALBINO, SUNI, 1924
  164. TURNU(O) FRANCESCO, ALES, 1899
  165. UNALI ANGELO, TRESNURAGHES, 1904
  166. URRACI FERMELIO, ALES, 1917
  167. VACCA COSIMO, ABBASANTA, 1923
  168. VACCA PIETRINO, SIMALA, 1899
  169. ZANDA GIOVANNI, BONARCADO,1923
  170. ZOCCHEDDU GIOVANNI, CABRAS
  171. ZUCCA ANTONIO, NEONELI, 1920
  172. ZUCCA GIOVANNINO, CABRAS, 1926
  173. ZUCCONI ANTONIO, SUNI, 1920
  174. ZUDDAS SALVATORE, NURAXINIEDDU, 1920

 

GIORNATA DELLA MEMORIA: 25 e 27 GENNAIO 2018

17 gennaio 2018

Scan0073Scan0074

San Vero Milis: I Giorni della Memoria 2018

11 gennaio 2018

Scan0071

GENNAIO 2018: un mese di impegni per ANPI Oristano

10 gennaio 2018

Carissimi, proseguendo il nostro impegno civile all’insegna dei nostri valori fondanti, vi comunico le date che ci vedranno protagonisti soprattutto nelle Scuole Medie per la GIORNATA DELLA MEMORIA:

il 13 al Comprensivo di Cabras-Riola;

il 16 a San Vero Milis, dove terremo anche una lettura della Costituzione;

il 20 alla Scuola Media di Via Diaz a Oristano;

il 24 alla Media 1 di Oristano;

il 17 e il 22 si terrà, presso il Liceo Scientifico Mariano IV, il Corso di Formazione per Docenti delle Secondarie sulla Didattica della Giornata della Memoria/Giorno del Ricordo, da noi organizzato in collaborazione con l’USP e l’ISTASAC;

il 25, presso l’Archivio di Stato, una conferenza del Prof. Schminck, dell’Università di Brema, sugli Internati Militari Italiani;

il 27, alle ore 9,00, presso l’Hospitalis Sancti Antoni, , incontro con gli studenti delle Scuole Superiori, da noi organizzato in collaborazione con la Prefettura e il Comune di Oristano; alle ore 17,00, nella Sala della Prefettura, conferenza su Gli Internati Militari della Sardegna e sull’Oristanese Abele Saba, partigiano e deportato politico nei lager tedeschi.  Vi aspettiamo numerosi.

Un cordiale saluto. Carla Cossu

 

BUON COMPLEANNO, CARA ………COSTITUZIONE!

27 dicembre 2017

Ha settant’anni, ma non li dimostra, la nostra cara Costituzione, il pilastro portante della nostra LIBERTA’! Come disse Calamandrei, essa “è il testamento di centomila morti“. Tra loro, i sette FRATELLI CERVI, di cui ricorre oggi il 74° Anniversario. Per ricordarli ANPI Oristano ha organizzato quest’anno, nel mese di Maggio, la Pastasciutta Antifascista

Costituzione_della_Repubblica_Italiana

A TUTTI I NOSTRI SOCI E AMICI: BUON NATALE E FELICE ANNO NUOVO

22 dicembre 2017

image001

LA MEMORIA CORTA E LA MANCANZA DI RISPETTO DEI SAVOIA

18 dicembre 2017

NON E’ NEPPURE IMMAGINABILE CHE I SAVOIA PENSINO DI TUMULARE VITTORIO EMANUELE III AL PANTHEON: LI’ NON PUO’ TROVARE POSTO IL TRADITORI DELL’ITALIA E DEGLI ITALIANI, QUELLO CHE LI HA CONSEGNATI A  UN DITTATORE, CHE HA FIRMATO LE LEGGI RAZZIALI, CHE HA AVALLATO OGNI ATTO DEL FASCISMO, CHE E’ FUGGITO AL SICURO DOPO L’ARMISTIZIO, LASCIANDO MILIONI DI SOLDATI E CIVILI ITALIANI, IN PATRIA E ALL’ESTERO, IN BALIA DI HITLER E DELL’ESERCITO TEDESCO.

UNO SQUALLIDO TRADITORE, QUESTO E’ STATO IL RE “SCIABOLETTA”, NON DOBBIAMO E NON POSSIAMO DIMENTICARLO, CE LO CHIEDONO I MILIONI DI MORTI CHE PESANO ANCHE SULLA SUA COSCIENZA, DAI CAMPI DI BATTAGLIA A QUELLI DI STERMINIO, DAI LUOGHI DEGLI ECCIDI NAZIFASCISTI ALLE CITTA’ RIDOTTE A CUMULI DI MACERIE. CE LO CHIEDE LA NOSTRA COSCIENZA DI CITTADINI LIBERI E ANTIFASCITI.

Carla Cossu

Nominati i Vice Presidenti e la Segreteria Nazionale ANPI

15 dicembre 2017

Carissimi, qui di seguito la comunicazione della Segreteria Nazionale. A tutti, e in particolare a Piero Cossu, ANPI Sassari, le nostre felicitazioni e i nostri più fervidi auguri di buon lavoro!

Carla Cossu

 

Carissime e carissimi,

il Comitato Nazionale ANPI, nella seduta del 14 dicembre u.s., ha proceduto alla nomina dei Vice Presidenti nazionali e della Segreteria nazionale.

La composizione è la seguente:

 Vice Presidenti nazionali:

 Vania Bagni

Piero Cossu

Marisa Ombra

Gianfranco Pagliarulo

Emilio Ricci

Ottavio Terranova

 Segreteria Nazionale:

 Carla Nespolo (Presidente)

Carla Argenton (Responsabile amministrativo)

Marisa Ferro  (Coordinamento ufficio di Segreteria e servizi interni)

Carlo Ghezzi (Organizzazione)

Andrea Liparoto  (Comunicazione e stampa)

Claudio Maderloni (Organizzazione)

Monica Minnozzi (Responsabile del Coordinamento donne)

Paolo Papotti (Formazione)

 

Il Comitato Nazionale ha inoltre cooptato al proprio interno un nuovo membro:  Fabrizio De Sanctis, Presidente dell’ANPI provinciale di Roma 

 

Presidente Nazionale ANPI:  Carla Nespolo

Presidente emerito ANPI: Carlo Smuraglia

 

Saluti

ELENCO ALFABETICO DEI PARTIGIANI DELLA PROVINCIA DI ORISTANO

8 dicembre 2017

Ecco il  NUOVO ELENCO alfabetico, aggiornato e numerato, dei Partigiani della Provincia di Oristano. All’interno dell’Atlante, NELLA BARRA ROSSA IN ALTO,  trovate le schede biografiche essenziali di ciascuno di essi.                                                            L’elenco viene costantemente  aggiornato con i nuovi  nominativi che emergono e/o sono verificati e riscontrati nelle banche dati e negli archivi. Per facilitare la consultazione dell’Atlante online, i nominativi non compresi nella versione cartacea (che ne riportava 108) sono in rosso.

“Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì, o giovani, col pensiero, perchè lì è nata la nostra costituzione”

Pietro Calamandrei, Discorso ai giovani sulla Costituzione nata dalla Resistenza. Milano, 26 Gennaio 1955

Elenco in costante aggiornamento con nuovi nomi, date e luoghi di nascita. Ultimo aggiornamento 19/02/18

  1. ACCA ANTONIO, BOSA, 1914
  2. AMENO GIULIO, SANTU LUSSURGIU, 1926
  3. ANGOTZI COSTANTINO, CUGLIERI, 1909
  4. ARCAI CHIRRA ANTONIO, MONTRESTA, 1918
  5. ARDU REDUINO, URAS, 1923
  6. ARDU VINCENZO, BUSACHI, 1883
  7. ATTENE GIUSEPPE,CUGLIERI,  1920
  8. ATZEI RENZO, GONNOSTRAMATZA, 1921
  9. BICHI SALVATORE, ORISTANO, 1917
  10. BROCCIA MARIO, MOGORO, 1919
  11. BUSONERA FLAVIO, ORISTANO, 1894
  12. CABONI GIORGIO, BARESSA, 1909
  13. CADDEO GIORGIO, MOGORO, 1908
  14. CADONI BENIAMINO, ORISTANO, 1906
  15. CANIBUS GIACOMO, ORISTANO, 1909
  16. CANSELLA GIOVANNI, CUGLIERI, 1910
  17. CARBONI PIETRO, PAULILATINO, 1914
  18. CARICCIA SALVATORE, SOLARUSSA, 1920
  19. CARRUS CIRIACO, SAN VERO MILIS, 1925
  20. CARTA MARIO, ABBASANTA, 1919
  21. CASANOVA ANTONIO, BOSA,1910
  22. CASTI EUGENIO, SENIS, 1891
  23. CASU PIETRO, ORISTANO, 1903
  24. CASULA QUIRICO, NORBELLO,1908
  25. CAU AURELIO, GONNOSNO’, 1890
  26. CAULI GIUSEPPE, PAU, 1920
  27. COCCO PASQUALE, SEDILO, 1921
  28. COGHE CLEMENTE, NORBELLO, 1918
  29. CONTU TERENZIO, USELLUS, 1923
  30. CORDELLA GIOVANNI, PAULILATINO, 1913
  31. COROS COSTANTINO, SUNI, 1906
  32. COROS GIACOMO, SUNI, 1921
  33. CORRIAS ANTONINO, ORISTANO, 1917
  34. COSSU ALDO, ALLAI, 1920
  35. COSSU FRANCESCO, ABBASANTA,1919
  36. COSSU ONOFRIO, USELLUS, 1923
  37. COTZA BENEDETTO, TRESNURAGHES, 1906
  38. CRABA LUIGI, SIAPICCIA, 1920
  39. DE CESARIS NELSON, CABRAS, 1908
  40. DE MARTIS FRANCESCO, SAGAMA, 1905
  41. DEIANA ERMENEGILDO, NEONELI 1920
  42. DEIANA GIUSEPPE, RUINAS, 1899
  43. DERIU DIEGO, SUNI, 1921
  44. DESSENA FRANCESCO, GHILARZA, 1903
  45. DESSI GIOVANNA, FORDONGIANUS
  46. DESSI’ GIOVANNI, RIOLA SARDO, 1921
  47. DESSY GIOVANNI, ORISTANO, 1904
  48. DETTORI MARCO, SAGAMA, 1918
  49. FADDA FRANCESCO, BUSACHI, 1917
  50. FADDA RINALDO, ORISTANO, 1910
  51. FAIS GIOVANNI, BONARCADO
  52. FALCHETTO GIAN MARIA, BOSA 1898
  53. FANCELLO FRANCESCO, ORISTANO, 1884
  54. FARA GIOVANNI, NARBOLIA, 1897
  55. FENU CAMILLO, SAN VERO MILIS, 1902
  56. FENU SEBASTIANO, SAN VERO MILIS, 1896
  57. FEURRA ANTONIO, SENEGHE, 1898
  58. FIRINU GIOVANNI, SANTU LUSSURGIU, 1925
  59. FLORIS ANGELINO, PAU, 1923
  60. FODDIS SALVATORE, SAMUGHEO
  61. FRAU ANTONIO, RUINAS, 1920
  62. FRESI SEBASTIANO, MONTRESTA, 1924
  63. FRONGIA FRANCESCOSAMUGHEO, 1921
  64. FRONGIA RAIMONDO, SAMUGHEO, 1921
  65. GALLISTRU ALFREDO, RUINAS, 1922
  66. GESSA ANTONIO, LACONI, 1892
  67. GIUSTI GIOVANNI, BOSA, 1910
  68. IBBA DOMENICO, ABBASANTA, 1911
  69. IBBA EFISIO, SORRADILE, 1899
  70. LAI FRANCESCO ANTONIO, ARDAULI,1904
  71. LEDDA ALFONSO,BOSA, 1924
  72. LEDDA DANIELE, BONARCADO, 1924
  73. LICHERI FRANCESCO, ABBASANTA, 1901
  74. LOCCHI GIUSEPPE, RIOLA SARDO, 1918
  75. LOCCI SALVATORE, RIOLA SARDO
  76. LOI EFISIO, FORDONGIANUS, 1892
  77. LORU PIETRO, BOSA, 1919
  78. LUTZU GAETANO, BAULADU 1918
  79. LUTZU SEVERINO, SEDILO, 1908
  80. MADAU PIETRINO, TRESNURAGHES, 1907
  81. MANCA ANTIOCO, SORRADILE, 1921
  82. MANCA ENRICO, ORISTANO, 1892
  83. MANCA ETTORE, ORISTANO, 1920
  84. MANCA GESUINO, TERRALBA, 1917
  85. MANCA GIULIO, TRAMATZA, 1911
  86. MANCA MARIO, NEONELI, 1919
  87. MANCONI LUIGI, ABBASANTA,1908
  88. MANIS GIUSEPPE, ORISTANO, 1922
  89. MARINI GIUSEPPE, TRESNURAGHES, 1920
  90. MEDAS GIUSEPPE, NARBOLIA, 1908
  91. MEDDE ANGELINO, NORBELLO, 1921
  92. MOZZO ANGELO, SUNI, 1921
  93. MURA GIOVANNI (di Francesco), SANTU LUSSURGIU, 1920
  94. MELIS IGNAZIO, LACONI, 1915
  95. MURA LUIGI, SIAMAGGIORE
  96. MURA LUIGI, SOLARUSSA, 1918
  97. MURGIA FRANCESCO, SANTU LUSSURGIU, 1919
  98. MURU ANTONIO, SOLARUSSA, 1920
  99. MUSIU GIUSEPPE, CABRAS, 1920
  100. OBBILI GIULIANO, ASSOLO, 1918
  101. OBINU CARLO, PAULILATINO, 1910
  102. OLIA MARIO, SOLARUSSA, 1919
  103. ONIDA ANTONIO, GHILARZA, 1918
  104. ORRU’ COSIMO, SAN VERO MILIS, 1910
  105. PALA ANTONIO DIEGO, SANTU LUSSURGIU
  106. PALA OVIDIO, SANTU LUSSURGIU
  107. PASSERO’ ANTONIO, MONTRESTA, 1916
  108. PASSONE ALFONSO, BOSA, 1919
  109. PERRIA ANGELO, MASULLAS, 1921
  110. PILI SALVATORE, MARRUBIU, 1918
  111. PINNA ANTONANGELO, SCANO DI MONTIFERRO, 1917
  112. PINNA ANTONIO, SCANO DI MONTIFERRO, 1921
  113. PINNA GIOVANNINO, ORISTANO, 1920
  114. PINNA SALVATORE, ARDAULI, 1917
  115. PINTORE FRANCESCO, NUGHEDU SANTA VITTORIA, 1914
  116. PIRAS GIUSEPPE, SANTU LUSSURGIU, 1921
  117. PIRAS POLANO MARIA, ORISTANO, 1897
  118. PIRRI MASSIMINO, GONNOSTRAMATZA, 1909
  119. PISCHEDDA ANDREA, ULA TIRSO, 1918
  120. PISCHEDDA LORENZO, GONNOSNO’, 1904
  121. PODDA GIUSEPPE, MOGORO
  122. PODDIGHE (PODDDIGLE) GIOVANNI, SCANO DI MONTIFERRO, 1920
  123. POGGI ANGELO, SUNI, 1921
  124. PORCHEDDU DARIO, CABRAS, 1922
  125. PORCU PALMERIO, GHILARZA, 1909
  126. PRINTZIS VIRGILIO, SAN NICOLO’ D’ARCIDANO, 1919
  127. PUDDU DIEGO, SANTU LUSSURGIU, 1920
  128. PUTZOLU (PULZUL) ANTONIO, GHILARZA, 1918
  129. PUTZOLU GIOVANNI, ARDAULI
  130. SABA ABELE, ORISTANO 1913
  131. SALARIS BERNARDO, SIAMANNA, 1920
  132. SANNA ANTONIO, ORISTANO, 1879
  133. SANNA CARLO, ABBASANTA, 1897
  134. SANNA GIOVANNI, SAMUGHEO, 1917
  135. SANNA GIUSEPPE, ORISTANO, 1908
  136. SARDU ANGELINO, MONTRESTA, 1920
  137. SCALAS GIOVANNI, SANTA GIUSTA, 1923
  138. SCANU PIETRO, URAS, 1920
  139. SECCHI GIOVANNI, MOGORO, 1902
  140. SECCHI GIUSEPPE, MODOLO, 1905
  141. SEDDA LUIGINO, ASSOLO
  142. SERMENGHI CESARE, TERRALBA, 1918
  143. SERRA DOMENICO, ABBASANTA, 1920
  144. SIAS SALVATORE, RIOLA SARDO, 1902
  145. SIAS SALVATORE, SANTU LUSSURGIU, 1922
  146. SIMULA ANGELO, CUGLIERI
  147. SONIS GESUINO (SONYS GUNUINO), URAS, 1923
  148. SOTGIA LELIO, BOSA, 1925
  149. SPIGA FRANCESCANGELO, NUGHEDU SANTA VITTORIA
  150. TATTI EUGENIO, RUINAS, 1919
  151. TAMBURINI ANTONIO, MAGOMADAS, 1920
  152. UNALI ANGELO, TRESNURAGHES, 1904
  153. URRACI FERMELIO, ALES, 1917
  154. VACCA COSIMO, ABBASANTA, 1923
  155. VACCA PIETRINO, SIMALA, 1899
  156. ZANDA GIOVANNI, BONARCADO,1923
  157. ZOCCHEDDU GIOVANNI, CABRAS
  158. ZUCCA ANTONIO, NEONELI, 1920
  159. ZUCCA GIOVANNINO, CABRAS, 1926
  160. ZUDDAS SALVATORE, NURAXINIEDDU, 1920

 

DA NON PERDERE!

21 novembre 2017

Scan0066

LETTURE DELLA COSTITUZIONE A SENEGHE, 17 NOVEMBRE

13 novembre 2017

Scan0061

ASSEMBLEA GENERALE DEI SOCI ANPI PROVINCIA DI ORISTANO

8 novembre 2017

SABATO 11 NOVEMBRE, ALLE ORE 17,00, IN VIA SAN SIMACO 22, A ORISTANO, SI TERRA’ L’ASSEMBLEA ANNUALE DEI SOCI ANPI PROVINCIA DI ORISTANO. VERRA’ PRESENTATO IL BILANCIO DELLE ATTIVITA’ SVOLTE NEL 2017 E QUANTO PREVISTO PER IL 2018. L’ASSEMBLEA COSTITUISCE UN IMPORTANTE MOMENTO DI CONFRONTO, RIFLESSIONE E PROGETTAZIONE. INVITO TUTTI A PARTECIPARE, ED ESTENDO L’INVITO A TUTTI COLORO CHE, PUR NON ISCRITTI ALL’ANPI, SONO INTERESSATI ALLE SUE ATTIVITA’. VI ASPETTO.

Carla Cossu. 

Carla Nespolo è la nuova Presidente Nazionale dell’ANPI: le formuliamo i migliori auguri di buon lavoro!

4 novembre 2017

3 Novembre 2017

L’Articolo 9 Cost.e la Domenica di Carta: un successo l’iniziativa ANPI-Archivio di Stato

15 ottobre 2017

Carissimi, la Lettura dell’Articolo 9, organizzata in collaborazione con l’Archivio di Stato, che celebrava La Domenica di Carta, è stata molto apprezzata dal folto pubblico presente. Ai lavori ha partecipato S.E. il Sig. Prefetto, che ha gentilmente accolto il nostro invito. A S.E il Dott. Guetta, alla Direttrice dell’Archivio Dott.ssa Poddigue, ai Relatori Eleonara Manca, Aldo Borghesi,  Graziano Bullegas e a tutti i presenti un sentito ringraziamento. Carla CossuIMG_1694IMG_1719

28 settembre 2017

1-Locandina Domenica di Carta 2017 ult copia (1)Locandina Domenica di Carta 2017

ANPI ORISTANO e ARCHIVIO DI STATO: “La Domenica di Carta” e l’Art.9 della Costituzione

20 settembre 2017

AI SOCI ANPI PROVINCIA DI ORISTANO

Carissimi, vi comunico che per  Domenica 8 ottobre, nell’ambito delle LETTURE DELLA COSTITUZIONE, in collaborazione con l’Archivio di Stato di Oristano che celebra “La Domenica di Carta” , abbiamo organizzato – presso lo stesso Archivio – una Tavola Rotonda sull’art. 9 della Costituzione,. “La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione”. L’argomento, di fondamentale importanza, assume particolare rilievo in questo momento, sia per le disastrose conseguenza dell’incuria e della mancata prevenzione delle emergenze idro-geologiche, sia per le nuove norme urbanistiche che la Regione Sardegna, anche in conflitto col governo nazionale, si accinge ad approvare. D’altro canto, gli Archivi costituiscono una inesauribile fonte documentale per lo studio e la  ricostruzione storica.

L’ANPI è particolarmente sensibile a tutti i temi contenuti nell’Art. 9 Cost. e,  così come avvenuto per le letture precedenti, incentrate su altri articoli, intende promuoverne la conoscenza attraverso l’informazione e il dialogo col pubblico presente. La scaletta prevede l’intervento  delle 

Dott.sse Michela Poddigue ed Eleonora Manca, rispettivamente Direttrice e Collaboratrice dell’Archivio (Ruoli e Fogli Matricolari del relativo Fondo);

del Prof. Aldo Borghesi, Direttore ISTASAC Nuoro (l’importanza dei ruoli e fogli Matricolari per la ricostruzione storica);

del Dott. Graziano Bullegas, Presidente Italia Nostra Sardegna (paesaggio, ambiente, iniziative di Italia Nostra  per la loro tutela).

della  prof.ssa Carla Cossu, Presidente provinciale ANPI Oristano sulla valenza complessiva della Tavola Rotonda rispetto alle finalità e ai valori dell’ANPI, e sull’importanza del patrimonio storico dell’Archivio anche in relazione all’Atlante dei partigiani della Provincia di Oristano.

Moderatrice sarà la Dott.ssa Poddigue.

I lavori avranno inizio alle ore 17.00.  Al termine sarà offerto a tutti i presenti un piccolo rinfresco.

A breve sarà inviata la locandina-invito per la manifestazione. Data  l’importanza dei temi trattati,  invito TUTTI a partecipare.

 Colgo l’occasione per comunicarvi che, nei prossimi mesi, le Letture saranno effettuate anche nei paesi della Provincia, e che per il mese di Ottobre (o Novembre)  è prevista l’Assemblea Generale dei Soci, nel corso della quale verrà presentato il quadro delle attività del 2017 e quelle previste per il 2018. Saranno gradite proposte da ciascuno di voi e, laddove possibile, esse saranno fatte proprie dall’Assemblea e dal Comitato Provinciale, nell’auspicio di una più ampia partecipazione e coinvolgimento.

 Un cordiale saluto.

Carla Cossu

LA NUOVA CASERMA DELLA FINANZA INTITOLATA AL PARTIGIANO RENZO ATZEI

16 settembre 2017

Carissimi, con una solenne e suggestiva cerimonia, questa mattina – alla presenza delle massime autorità – il Comandante Generale  Giorgio Toschi ha inaugurato la nuova caserma della G.D.F, intitolata al PARTIGIANO di Gonnostramatza RENZO ATZEI, classe 1921, morto in battaglia in Yugoslavia nel 1945 per difendere la libertà di tutti. Alla Sua memoria va il nostro  pensiero riconoscente.

Carla Cossu